Cantico delle creature. Per Soli, Coro a 4 voci miste e Pianoforte

12,00

L’universalità della lode al Creatore

Descrizione

La musica esprime l’universalità della lode al Creatore con un percorso che, rimanendo ancorato nel profondo al tono di Sol, percorre le varie regioni tonali senza soluzione di continuità, facendolo apparire di nuovo nella lode finale. Il respiro della musica rallenta solo nei passaggi delle varie sezioni del cantico, il climax drammatico è raggiunto nella frase che sentenzia il giudizio di condanna nei confronti dei peccatori impenitenti. Le diverse geometrie foniche utilizzate (coro a sezioni alterne, Soli, Trio e Tutti) aiutano la struttura musicale nell’esprimere il significato e il significante del testo.

Il pianoforte disegna un percorso emozionale che accompagna la voce, insinuandosi tra le linee del canto, comunicando le proprie sensazioni di letizia, commozione e inquietudine, sciogliendosi alla fine in una danza di gioioso ringraziamento a Dio.

Informazioni aggiuntive

Autore

Luca Garbini